Il Presidente dell'Uzbekistan Shavkat Mirziyoyev al SCO-CSTO meeting sull'Afghanistan 

 

Discorso del Presidente dell'Uzbekistan Shavkat Mirziyoyev alla "Organizzazione per la cooperazione di Shanghai - Organizzazione del trattato per la sicurezza collettiva".

“Cari colleghi,

condivido pienamente la comune preoccupazione per la situazione in Afghanistan.
In effetti, oggi in questo paese si è sviluppata una realtà completamente nuova: in pochissimo tempo, il movimento talebano ha acquisito quasi il pieno potere.
Le nuove autorità hanno ancora una strada difficile da percorrere: dal consolidamento sociale alla formazione di un governo capace che includa tutti i gruppi etnopolitici. Di fatto, questo determinerà le prospettive per stabilizzare la situazione, ripristinare lo stato afghano e, in generale, sviluppare le relazioni tra la comunità internazionale e l'Afghanistan. Nelle condizioni attuali, non ci sono garanzie certe che il Paese non tornerà alla situazione degli anni novanta, quando era travolto da una guerra civile e da una crisi umanitaria, era in isolamento internazionale e il suo territorio si era trasformato in un "hub" del terrorismo internazionale e della produzione di droga. Come vicini più prossimi, abbiamo affrontato direttamente queste sfide e minacce in quegli anni e siamo chiaramente consapevoli di tutte le possibili conseguenze negative dello sviluppo della situazione in Afghanistan secondo questo scenario. A questo proposito, vorrei condividere la mia visione dei principali aspetti della cooperazione in Afghanistan.

Primo: non si dovrebbe consentire che il territorio dell'Afghanistan rimanga una fonte di sfide e minacce alla nostra sicurezza. Mi riferisco, prima di tutto, alla crescita dell'estremismo e l'esportazione dell'ideologia radicale, all'uso del territorio afghano per azioni sovversive contro i nostri paesi e ai rischi di infiltrazione dei militanti attraverso il confine. È importante, attraverso sforzi congiunti e azioni decise, bloccare insieme le vie per il trasferimento dei terroristi dai "punti caldi" all'Afghanistan. A questo proposito, siamo favorevoli ad ampliare la cooperazione pratica attraverso l’Executive Committee of the Regional Anti-terrorist Structure della Shanghai Cooperation Organization (SCO) e il Segretariato della Collective Security Treaty Organization (CSTO), nonché i servizi speciali dei nostri stati.

Secondo: è estremamente importante elaborare un approccio strategico comune della SCO e della CSTO allo sviluppo della situazione in Afghanistan e nei dintorni, al fine di creare le condizioni per entrare nel processo di riconoscimento delle nuove autorità.

Terzo: il dialogo con il nuovo governo dovrebbe essere commisurato all'adempimento dei suoi obblighi. Tra questi: non patrocinare le organizzazioni terroristiche internazionali; impedire all’Afghanistan di agire contro terzi paesi; assicurare il rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali, compresi quelli delle donne e delle minoranze nazionali.

Quarto: è importante continuare l'attuazione di progetti socioeconomici e infrastrutturali in Afghanistan. Nonostante la difficile situazione, non abbiamo fermato i lavori dello snodo di trasporto uzbeko-afghano, la più importante arteria per l'approvvigionamento di cibo e prodotti petroliferi a questo Paese, nonché la fornitura ininterrotta di energia elettrica. Vorrei sottolineare che la sospensione degli aiuti aggraverà la già difficile situazione del sofferente popolo afghano. Allo stesso tempo, le nuove autorità devono garantire la sicurezza dell'attuazione dei progetti comuni.

Quinto: è importante prevenire l'isolamento dell'Afghanistan e la sua trasformazione in un “rogue state”. In questo contesto, riteniamo che le Nazioni Unite potrebbero assumersi una responsabilità ancora maggiore nel mobilitare e coordinare gli sforzi internazionali per assistere l'Afghanistan.

L'Uzbekistan intende continuare a mantenere un'interazione stretta ed efficace con tutte le parti interessate per stabilizzare la situazione in Afghanistan.”

Share This

Follow Us