All'Altaroma Fashion Week è stata presentata la quarta edizione dell' "International Couture Fashion Show"  , un mix di culture e Paesi diversi, che danno vita a creazioni uniche e particolari nel loro genere caraterizzando questo format. In passerella cinque Maison: "A’ biddikkia", "Barocqo Jewelry", Marcela De Cala", Missaki Couture" e la stilista Natasha Pavluchenko.

Ha aperto l'"International Couture Fashion Show", con il tributo alla città di Tursi-Matera e a Maria di Anglona, la designer polacca Natasha Pavluchenko con la collezione intitolata “Maria Anglona”. Natasha Pavluchenko è rimasta colpita dalla bellezza della Vergine di Anglona, dalla città di Tursi, dal suo centro storico e dalla collegiata di Santa Maria Maggiore in Rabatana. La storia e questi luoghi meravigliosi hanno influenzato la creatività della stilista. Sulla passarella quindici creazioni ispirate alla “Pala dell’Altare Maggiore” risalente al 1700 e posta oggi di fianco della Vergine. Ospiti della sfilata una delegazione proveniente dalla Basilicata formata da stampa e personalità di spicco.

E' seguita la sfilata della Maison "A’biddikkia" di Giovanna Mandarano che conferma il DNA del Brand, sempre legato allo stile mediterraneo e alla sua Panarea. La collezione couture intitolata “La Rinascita della Moda” ha visto in passerella dodici abiti dalle tinte decise che spaziano dal rosso al verde al viola, ricordando l’arcobaleno, con tagli sinuosi che risaltano la silhouette femminile, con l’aggiunta di alcuni dettagli che ricordano lo stile Barocco. "La Rinascita della Moda” è favoleggiata da un mix di tessuti pregiati dai colori vivaci che ricordano sempre la terra nativa della stilista. Tessuti e manifattura di alta qualità, tutto made in Italy. Modella d’eccezione è stata la testimonial del brand direttamente da "Ballando con le Stelle" la bella ballerina Veera Kinnunem, che ha regalato alla platea una fantastica esibizione sulle note del gettonatissimo brano "Dance Monkey". 

La Maison "Missaki Couture" ci ha fatto sognare con “Cyra”, ispirata alla Grecia. La bellezza di questo Paese e i suoi colori ha dato il titolo alla collezione del designer libanese Missak Farassian. Nel catwalk hanno  brillato venti abiti da sera dai colori pastello, l'immancabile nero e in finale l’abito da sposa. Stili e ricami regali che trasmettono un senso di leadership interiore e una forte cura dei dettagli.

Meravigliosi i gioielli celestiali della collezione della Maison "Baroqco" dal titolo “Stairways to Heaven”, talmente belli che elevano l’anima della donna che li indossa. Dieci parure principesche hanno sfilato insieme agli abiti neo-couture di Natasha Pavluchenko. Corone e gioielli scultorei che conferiscono un’aura moderna e disinvolta. Gioielli unici, fatti a mano e realizzati appositamente per sfilare sulla catwalk di Altaroma. "Chi indossa i gioielli “Stairways to Heaven” non può che sentirsi più vicino a Dio", questo il messaggio del brand, "grazie alla purezza dell'Anima che permette di elevarsi rispetto al mondo irrequieto in cui viviamo. L’anima vicino a Dio è pura e bella". Realizzati con metalli pregiati placati in oro 24 carati, abbinati a decorazioni e applicazione di Swarovki e di pietre semi preziose che provengono dall’Indonesia e dal Brasile.

In gran finale la “Vieira” di Marcela de Cala, ispirata ai miti e alle storie della famosa Vieira di Santiago de Compostela. Si racconta che la Vieira fosse una metafora per aiutare le persone a trovare la giusta strada da seguire. Marcela de Cala ha presentato una collezione di venti abiti da sposa spudoratamente femminili. Perfetti per coloro che vogliono brillare nel giorno più importante della propria vita senza rinunciare all’eleganza, capi caratterizzati da perline, paillettes e inserti di ogni tipo che, uniti ai tulle e ai pizzi, creano un effetto luminoso da sogno. La collezione “Vieira” simboleggia l'inizio di un bellissimo viaggio che approda sulla passerella di Altaroma. “Vieira” è ricca di sfumature, di ricami bianchi intrecciati e di stratificazioni ingegnose, raffinati ornamenti di conchiglie e di perle per un look moderno e romantico. 

L'"International Couture Fashion Show" è ideato e organizzato dall’Istituto Culturale Italo Libanese, dal Consigliere Maria Christina Rigano, sotto la regia di Alessandro Mazzini. Casting e produzione di Eleonora Eutizi. Il look delle modelle è stato realizzato per il trucco dallo Staff Face Place Academy by Pablo - Art director Gil Cagné, per le acconciature dallo Staff di Professional Sebastian con la direzione artistica di Giovanni Salerno. Le calzature di "International Couture Fashion Show" sono di Rugantino by Alessi & Alessi.

Ospiti della Sfilatala la Principessa Rita Boncompagni Ludovisi; Antonella Florio e Raffaello Napoleone, Consiglieri di Altaroma; l’Ambasciatore Di Giordania Sua Eccellenza Fayez Khoury; La Consigliera polacca Agnieszka Hoppen-Klikowicz; La Delegazione Polacca del Teatro dell’opera di Varsavia; il Sindaco di Bielesko Biala; Cristina Pelliccia, attrice di Suburra; Josafat Vagni, attore di "Romanzo Criminale 2", "The Borgias 3", "Matrimoni e altre follie"; Stefano Rossi Giordani, attore di "Extravergine", "L’uomo del labirinto";  l’attrice Anna Melissa Bartolini; gli artisti Ilian Rachov; Roberto Di Costanzo; la tronista Desiré Popper; l’Influencer Marta Torre in Abiddikkia; dalla Basilicata il Prof. Dott. Giuseppe Anelli, Presidente Fondazione Sapentia Mundi; l’Ing. Antonello De Santis, Presidente Rete Jonica Turismo; Dott. Giovanni Oliva, Segretario Generale Fondazione Matera 2019; il Sindaco di Tursi, il Prof. Salvatore Cosma; il Vicesindaco Maria Anglona Adduci; l’Assessore Roberto Trani; la stilista Sofia Provera, Eleonora Altamore, Raffaella Frasca e il Brand Manager della Maison Egon von Fürstenberg Vincenzo Merli; il giornalista e Funzionario della Consob il Dott. Enea Franza.

Gisella Peana

 

 

 

 

 

 

 

 

Foto di Pietro Piacenti

 

Foto di Pietro Piacenti

 

Foto di Pietro Piacenti

 

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Share This

Follow Us