Sabato 14 ottobre presso la location istituzionale del Teatro dei Dioscuri al Quirinale ha avuto luogo l’evento “La violenza invisibile” organizzato dall’associazione “Obiettivo No Violence” di Michele Simolo.

Volti noti, stampa e personaggi di cultura non sono voluti mancare a questo importante appuntamento che ha lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica riguardo il forte problema della violenza contro le donne, dramma dei nostri giorni.

Simolo, Presidente dell’Associazione, ha portato in luce questa problematica realizzando degli scatti fotografici intensi ed un video che vede protagoniste diverse attrici italiane che hanno voluto aderire gratuitamente al progetto prestando la propria immagine.

Fra i volti che hanno aderito al progetto fotografico, gratuitamente, troviamo: Valentina Pace, Loredana Cannata, Elena Ossola, Elisabetta Pellini, Alma Manera, Jinny Steffan, Hoara Borselli, Metis Di Meo, Nadia Bengala, Elena Parmegiani, Lucia Batassa, Fanny Cadeo e Andreea Duma.

L’evento ha previsto due importanti momenti di riflessione: la tavola rotonda, moderata brillantemente ed impeccabilmente dalla giornalista Sara Zuccari, direttore di Velvet Magazine e corrispondente di “La Repubblica”, che ha alternato testimonianze e pareri di psichiatri, sociologi, criminologi quali: Marco Cannavicci, Maria Gaia Pensieri, Domenico Giuseppe Bozza, Francesco Cifariello, Luivia Capezzani e Loredana Carrillo.

E’ stata presentata poi la nuova testimonial dell’Associazione: Simona Martins.

La seconda parte della manifestazione è stata condotta con grande stile e sintonia da Elena Parmegiani, Direttore Eventi della Coffee House di Palazzo Colonna, e da Beppe Convertini, attore e conduttore con un’intensa carriera nel mondo dello spettacolo che da poco ha terminato la sua missione umanitaria “Terres des Hommes” in Giordania, a favore dei bambini rifugiati siriani.

I presentatori hanno accolto sul palco Elisabetta Pellini che ha interpretato in maniera intensa ed espressiva “Lo Stupro” di Franca Rame, Alma Manera che si è esibita, emozionando la platea in sala, in “Non, je ne regrette rein”, il brano di Edith Paif, Lucia Batassa che per l’occasione ha scritto il toccante brano “Sono vecchia”, Marianna Petronzi, giovane talento foggiano, che si è esibita nell’intenso monologo “Se io potessi amarti” ed infine i ballerini Kal Guglielmelli ed Alessandra Miccichè che hanno emozionato il pubblico nel loro balletto “Odio, Amore e Passione”.

Prima dei saluti finali Elena Parmegiani ha letto un brano da lei scritto tre anni fa per una sua amica, Barbara Cuppini uccisa dal suo compagno, dal titolo “Una splendida rosa spezzata”.

In chiusura si è tenuto il buffet finale per gli ospiti con la splendida torta celebrativa dell’Associazione.

Una giornata densa di emozioni e di spunti di riflessione che speriamo riesca a scuotere l’opinione pubblica riguardo questo tema di grande attualità. 

 

L'attrice Elisabetta Pellini

 

Elisabetta Pellini e Beppe Convertini

 

Share This

Follow Us