Grande successo di pubblico per lo spettacolo “Femmes” andato in scena martedì 5 marzo alle ore 21:00 al Teatro Petrolini a Roma. Teatro gremito da un folto pubblico e sold out al botteghino per l’originale varietà ispirato alla Belle Époque e non solo.

Spettatori entusiasmati dalle magiche e sensuali atmosfere hanno applaudito gli artisti che si sono esibiti in balli, canti, musiche e recitazione dando vita ad un’esilarante esibizione che ha incantato il pubblico della sala.

“Femmes”, scritto da Emanuela Mari e Maria Buongiorno, è un vero inno alla bellezza femminile rappresentata in diverse forme d’arte: canto, musica, danza e recitazione che sono state portate in scena dal soprano Emanuela Mari che con la sua splendida voce ha eseguito arie d’opera e romanze: “Il paese dei campanelli”, “Frou Frou del Tabarin”, “Cin Ci La”, “Eva”, “Ballo al Savoy” e “La vedova allegra”, accompagnata dal tenore Valerio Aufiero che si è esibito anche come solista emozionando la platea con: “Ma senza donne” da “La principessa della Czarda”, “La donna è mobile”, “Mattinata”, e “Musica proibita”.

Tanti applausi anche per le bravissime ballerine: Fabiola Zossolo, che ha danzato su musiche ispirate a Charlie Chaplin ed alla "Paris de fin du siècle"; Maria Cristina Capogrosso, che ha interpretato l’affascinante e conturbante danzatrice Mata Hari, il cui testo è stato scritto dalla scrittrice Maria Buongiorno; Elektra Kiss seducente, provocante, ironica e mai volgare con il suo burlesque; Francesca Minunni e il ballerino Valerio De Angelis hanno creato un tocco di magia danzando il valzer in magnifici costumi d’epoca con la coreografia curata da Susanna Serafini dell’Accademia Nazionale di Danza; Giulia Catalucci e Sofia Ronchini hanno completato magistralmente lo spettacolo con il suggestivo Can Can, il tipico ballo nato nella Belle Époque, anche questo su coreografia di Susanna Serafini.

Il tutto accompagnato dalle splendide musiche suonate al pianoforte dal maestro Massimiliano Franchina.

La raffinata scrittrice Maria Buongiorno ha portato sul palco con la sua classe ed eleganza la poesia, recitando una sua opera “La fioritura del loto”.

Monica Fiore ha fatto da assistente di scena. La scenografia, ispirata alla donna, è dell’artista messicano Miguel Angel Acosta Lara. L’audio e le luci sono state curate da Emanuele Bertulli, mentre le foto dal fotografo di scena Maurizio Romani. Media Partner: FASHION LUXURY (fashionluxury.info).

Nel parterre spiccava il noto giornalista sportivo Amedeo Goria, la giornalista RAI Antonietta Di Vizia, la cantante jazz Cinzia Tedesco, il noto look maker della capitale Sergio Tirletti, il critico letterario Franco Di Carlo, i giornalisti Alessandra Battaglia con David Cardarelli, Giuseppe Mele, Rosalba Lupo, Ruggiero Capone, la pittrice Ester Campese e molti altri.

Gisella Peana

Foto di Maurizio Romani

 

Emanuela Mari e il pianista il maestro Massimiliano Franchina

 

Emanuela Mari e Valerio Aufiero

 

Emanuela Mari e Valerio Aufiero

 

Emanuela Mari e Valerio Aufiero

 

 Emanuela Mari e Valerio Aufiero

 

 Fabiola Zossolo

 

Fabiola Zossolo

 

Elektra Kiss

 

Francesca Minunni e Valerio De Angelis

 

Giulia Catalucci e Sofia Ronchini

 

Maria Buongiorno

 

Maria Cristina Capogrosso

 

Valerio Aufiero

 

Amedeo Goria e Maria Buongiorno

 

Antonietta Di Vizia e Marco Bardeggia

 

Da sinistra: Giuseppe Mele, Amedeo Goria, Gisella Peana, Antonietta Di Vizia, Marco Bardeggia

 

Gisella Peana Addetta Stampa

 

Sergio Tirletti, Emanuela Mari

 

Anna Poletti, Gisella Peana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Share This

Follow Us